Itinerari Paesaggistici

Itinerari escursionistici alla scoperta delle unicità paesaggistiche delle Terre di Bellinzona

L'Ente turistico di Bellinzona e dintorni ha avviato una nuova strategia di comunicazione con l'obiettivo di rendere più fruibile, leggibile e attrattivo il proprio comprensorio, sia per i residenti che per gli ospiti. La prima tappa è stata la realizzazione degli itinerari culturali urbani: i quattro percorsi pubblicati nel 2008 nella guida curata dal giornalista Diego Moles hanno contribuito in modo determinante alla valorizzazione e alla messa in rete dell'area monumentale attorno ai castelli e alla cinta muraria della Città.
Procedendo con il programma di valorizzazione territoriale "Bellinzona non solo Castelli", Bellinzona Turismo vuole ora promuovere anche le sue attrattività paesaggistiche e naturalistiche, accompagnando gli interessati lungo una rete escursionistica di ben 200 km di sentieri pianificati, segnalati e curati grazie al progetto di coordinamento e gestione sviluppato dal Gruppo Sentieri degli Enti turistici di Bellinzona e dell'Alto Ticino.
Un'accurata indagine del territorio compiuta da un competente gruppo di lavoro ha permesso di individuare nove storie particolari. Esse vengono raccontate in questa nuova guida, curata dalla giornalista Anna Fazioli, con il fine di far conoscere alcune particolarità di un'area ricca di imperdibili siti di ristoro fisico, conoscitivo e spirituale.
I nove itinerari descrivono l'autenti cità delle Terre Bellinzonesi e contribuiscono così alla valorizzazione del comprensorio alpino, abitato da una popolazione storicamente attiva in commerci e accoglienza lungo le grandi vie dei fondovalle, nell'agricoltura e nella viticultura sulle colline, nella pastorizia e nella cura delle foreste sulle montagne.
La buona frequentazione degli itinerari escursionistici da parte di residenti attivi e di turisti curiosi conferma l'importanza delle componenti naturalistiche e culturali per il prodotto turistico "Ticino", sempre ancora molto focalizzato sulle rive residenziali lacuali.
"Itinerari paesaggistici" vuole essere un contributo al turismo "slow", attento alla salute e rivolto anche alle famiglie, che sono benvenute in locande, osterie, capanne e grotti ben gestiti grazie all'imprenditorialità degli operatori locali, vera filiera dei servizi di accoglienza turistica di tutta la regione.

Buona passeggiata e buon soggiorno!

Downloads